Topic Calcio

Nino Musella

Gli assist del cuore

Un'eterna promessa mancata, la parabola di Gaetano Musella, detto Nino, si potrebbe riassumere così. Un bambino prodigio che realizza il grande sogno di giocare nel Napoli, la squadra del cuore; tuttavia il destino non prende la direzione sperata. Il mondo del calcio gli getterà solo fango addosso, ma non riuscirà a estinguere la sua passione...

di Lucio Iaccarino

continua→

Batista

La meteora brasiliana del calcio italiano

Un tipo da film, un personaggio istrionico. Era l'uomo dei vizi, ma sul campo la sua tecnica si rivelava indiscutibile. A pensarci bene, in Italia João da Silva Batista forse avrebbe fatto meglio a scegliere la carriera di attore piuttosto che quella di calciatore....

di Lucio Iaccarino

continua→

Daniel Passarella

Il difensore cattivo

L'unico calciatore argentino ad aver vinto per due volte la Coppa del Mondo. Passerella rappresentò la perfetta figura del leader, una fama che gli valse il soprannome di "caudillo", traducibile in italiano con il termine "autorità". Cinico e durissimo in campo, di lui si diceva "anche i terroristi ne hanno paura"...

di Lucio Iaccarino

continua→

Leopardi e il vincitore nel pallone

La dedica a Carlo Didimi

Scritta nel novembre 1821, "A un vincitore nel pallone" appare come uno dei primi collegamenti tra sport e letteratura. Un'analisi storica e letteraria per comprendere meglio il messaggio che il poeta di Recanati intendeva trasmettere ai suoi lettori. Un'indagine per scoprire l'identità dell'uomo che ispirò il Conte Leopardi. Era davvero degno di un'eredità tanto illustre?

di Alice Figini

continua→
Primo piano di Roberto Dinamite

Roberto Dinamite

L'esplosione del gol

I suoi siluri al tritolo gli valsero l'appellativo che caratterizzò il suo gioco in campo per tutta la carriera, che ricoprì dai 17 ai 40 anni, con breve parentesi in Europa. Era il Brasile di Zico, Sócrates, Serginho, ma riuscì a fare la differenza. Si ritirò quando stava nascendo l'astro di Romario...

di Lucio Iaccarino

continua→

Edmundo

O Animal non domato

Una vita di eccessi, la sua. Irascibile, violento, fu processato persino per la morte di tre persone, ma poi subito rilasciato. Un delinquente, un avanzo di galera, ma dotato di piedi fatati. Due personalità in un solo uomo, in cui il demone aveva la meglio sul campione...

di Lucio Iaccarino

continua→

Andrés Escobar

El Caballero Escobar

Il 2 luglio 1994 il calciatore Andrés Escobar venne crivellato da raffiche di proiettili sulla soglia di un ristorante. La sua vita era cambiata giorni prima, il 22 giugno, quando il suo autogol nel corso di una partita contro gli Stati Uniti aveva decretato l'eliminazione della Colombia dal Mondiale. In quell'autogol è racchiusa la causa della sua morte. La sua vicenda scioccante ha segnato la storia del calcio...

di Valentina Rubini

continua→
Michel Preud’homme in porta

Michel Preud’homme

In volo verso il mito

Giocava nel Benfica e vinceva la Coppa del Portogallo: qualcuno, guardando la sua figurina del 1996, lo paragonò al celeberrimo personaggio mitologico di Medusa, forse per via della chioma che circondava il suo capo. Preud’homme non aveva lunghi serpenti al posto dei capelli, ma il suo sguardo sembrava davvero poter pietrificare palloni e avversari...

di Lucio Iaccarino

continua→

Hertzko Haft

Dal ring ad Auschwitz

Ha un numero, il 144738. Il suo ring è un campo di concentramento. La sua forza è aumentata dall'istinto di sopravvivenza che lo rende spietato. Una storia autentica sospesa tra verità storica e dettagli non verificati, salva per un pugno...

di Francesco Gallo

continua→
Mario Jardel

Mario Jardel

Dove corri, Mario?

Incapace di farsi amare dai tifosi italiani, che lo ricordano solo per una corsa sbagliata. Sovrappeso e goffo, affranto dal male di vivere, consumatore di cocaina. Eppure infranse numerosi record, mantenendo una media gol di poco inferiore a quella di Messi e Ronaldo...

di Roberto D'Ingiullo

continua→

La strage dell’Heysel

"Quando allo stadio vidi la morte..."

Il 29 maggio 1985 si consuma una delle più gravi tragedie della storia dello sport: 39 tifosi perdono la vita sugli spalti dell'Heysel caricati dagli hooligan inglesi poco prima del fischio d'inizio di Juventus-Liverpool, finale di Coppa dei Campioni. Salvatore Basile, uno dei testimoni di quella partita maledetta, racconta in esclusiva a Storie di Sport l'angoscia di quelle ore...

di Graziana Urso

continua→

Emilio Butragueño

L'epopea dell'Avvoltoio

Un'allegra brigata di giovani rampanti, denominata "La Quinta del Buitre", trascina il Real Madrid verso il trionfo. Il gruppo è capeggiato proprio da lui, l'"avvoltoio", un campione con il gol in corpo. Protagonista di partite memorabili, come le combattute sfide contro la Juventus. Storia del giocatore che ha rappresentato un'epoca del calcio spagnolo...

di Raffaele Ciccarelii

continua→

La partita di Natale

La tregua di una palla in trincea

Nel gelido inverno del 1914, avvenne un miracolo insperato. La notte della vigilia di Natale un canto lontano spezzò l'orrore delle trincee. I soldati dimenticarono i colori delle divise, deposero i fucili e si avvicinarono l'uno all'altro. Fu una tregua breve e imprevista, interrotta presto dall'ombra di un presagio...

di Francesco Gallo

continua→
El Clásico

El Clásico

Blaugrana contro Blancos

Da quella prima edizione del 1902, è molto più di una partita di calcio. Cosa significa oggi la sfida sul campo di calcio tra Real Madrid e Barcellona...

di Raffaele Ciccarelli

continua→

El Salvador – Honduras

La prima guerra del calcio

Due stati nemici, un golfo conteso, un Mondiale da raggiungere. L'odio politico che si accende sul campo e sfocia in una terribile guerra. Storia di El Salvador-Honduras, la tragica sfida per l'accesso a Messico 1970 che costò seimila morti in un continente in cui il calcio non è mai stato solo un gioco...

di Francesco Gallo

continua→

Ernest Egri Erbstein

L'allenatore ebreo

Era lui la mente che architettava la strategia vincente del Grande Torino, ma rimase confinato nell'ombra. L'odissea di un uomo che ha dovuto fare i conti con il nazismo e, dopo la guerra, rispondere all'accusa di spionaggio a causa delle sue origini ungheresi. Calcio e politica si intrecciano nel racconto di un esilio ingiusto e di un più amaro ritorno. Fino al tragico epilogo di Superga...

di Alice Figini

continua→
La locandina del Mundial Dimenticato

Il fantastico Mondiale del ‘42

Suggestioni storiche

Storicamente è risaputo che per i Giochi Olimpici si fermavano le guerre. Ma non successe mai che le guerre si fermassero per i mondiali di calcio. Eppure, ci fu un visionario che sotto i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale volle continuare a far correre il pallone in Patagonia, nella speranza, tutta nobile e tutta idealista, di far cessare i conflitti. Nel 2012 Filippo Macelloni e Lorenzo Garzella decidono di ridare alla leggenda una forma, quella del documentario...

di Melania Sebastiani

continua→
Hugo Gatti

Hugo Gatti

Las locuras de Gatti

Il portiere soprannominato "il Pazzo" che impose il suo stile ribelle negli anni Settanta. Non si limitò mai a stare in porta. Lascerà il campo con all’attivo 765 partite giocate nella Primera División Argentina, record tutt’ora imbattuto, 18 gare con la nazionale, 26 rigori parati ed una miriade di aneddoti con cui riempire libri e racconti...

di Marco Tonelli

continua→

Regina Baresi

Una Baresi all'attacco

Figlia d'arte, ha ereditato la passione per il pallone dal padre e dallo zio. Hanno fatto di tutto per allontanarla dal calcio, ma alla fine l'ha spuntata lei dimostrando il suo talento e portando una squadra, l'Inter femminile, in serie A. I suoi successi fanno luce su uno sport che in Italia è dominio degli uomini. Regina racconta a Storie di Sport la sua personalissima sfida per attuare un cambiamento...

di Alice Figini

continua→

Quel campione di nome Luigino

Gigi Meroni raccontato dalla sorella Maria

Dai primi calci all'oratorio del quartiere fino all'exploit in Serie A, dalle lettere scanzonate alla madre alla delusione dei Mondiali d'Inghilterra. Maria Meroni apre lo scrigno dei ricordi consegnando a Storie di Sport il ritratto privato del mito...

di Graziana Urso

continua→

Pierpaolo Pasolini

Il poeta e il pallone

Una passione nata davanti al formidabile Bologna degli anni Trenta, coltivata sui campi delle borgate romane come nei grandi stadi d'Italia. Storia sportiva dell'intellettuale italiano più discusso del Novecento, che cercava il verso volando sulla fascia destra fino all'ultima, impossibile fuga da una fine vigliacca...

di Graziana Urso

continua→

Arrigo Sacchi

La sua storia in un romanzo

È uscito in questi giorni per Edizioni InContropiede "Arrigo", la storia romanzata dell'enigmatico allenatore che fece grande il Milan di Berlusconi. Lo presenta in esclusiva per Storie di Sport lo stesso autore, Jvan Sica, provando a raccontare chi è stato quest'uomo incastrato tra desiderio di perfezione e macchina del consenso ...

di Jvan Sica

continua→
Guttmann tattico

Béla Guttmann

La maledizione infinita

«Nessuna squadra portoghese vincerà più una Coppa dei Campioni per due anni consecutivi. E il Benfica per cento anni non vincerà una coppa europea». Con questa “maledizione” Béla Guttmann, probabilmente il più grande allenatore di calcio della prima metà del Novecento, si congeda dal Benfica la sera del 2 maggio 1962 subito dopo la conquista della seconda Coppa dei Campioni consecutiva. Una maledizione che dura da oltre mezzo secolo...

di Gabriele Radaelli

continua→
Beppe Bergomi

Beppe Bergomi

Uno “Zio” da leggenda

SdS si occupa di uno dei più grandi calciatori di sempre, Beppe Bergomi, detto lo "Zio", bandiera indisccussa dell'Inter e giovanissimo campione del Mondo a soli diciannove anni nel Mundial spagnolo del 1982...

di Lucio Iaccarino

continua→
lo Zaire 1974

Zaire 1974

L'incredibile gesto di Mwepu

La storia della spedizione Mondiale dello Zaire a Monaco 1974, prima squadra dell'Africa Nera a partecipare alla competizione, tra le promesse di ricchezze smodate ai giocatori e la triste realtà di una Nazionale che il presidente Mobutu strumentalizzò per rafforzare il suo discusso potere ...

di Gabriele Radaelli

continua→