Topic Boxe

Joe Bugner

Un pugile da pellicola

Meglio conosciuto come l'antagonista per eccellenza di Bud Spencer, fu l'unico in grado di tenergli testa e i loro combattimenti conquistarono un pubblico di tutte le età. Pochi sanno che nella vita Joe Bugner era un campione vero, un pugile grintoso che combatté fino a cinquant'anni suonati sul quadrato del ring. Fra i suoi avversari ci furono autentici mostri sacri, come un certo Cassius Clay...

di Lucio Iaccarino

continua→

Ulderico Sergo

Un libro racconta il pugilatore di Fiume

Vinse ai punti la medaglia d'oro ai Giochi di Berlino ma quando emigrò in America l'Italia dimenticò il suo campione olimpico. Fino al libro di Giorgio Di Giuseppe, che che lo racconta attraverso la testimonianza del figlio Ulderico Andrea, di cui è possibile leggere un estratto in esclusiva su Storie di Sport...

a cura della Redazione

continua→

Carlos Monzón

Una vita oltre il limite

È l'uomo che strappò il titolo dei pesi medi a Nino Benvenuti. Una carriera di trionfi sul ring, un'esistenza burrascosa fuori. Le sfide, i flirt, la fama che non soffoca il male di vivere, fino all'esplosione della follia omicida. Storia di un campione capace di battere tutti fuorché se stesso...

di Marco Tonelli

continua→

Mike Tyson

La verità dell'uomo d'acciaio

Più giovane campione del mondo dei pesi massimi di sempre, 58 incontri vinti in vent’anni, è stato iridato dal 1986 al 1990 e poi per otto mesi nel 1996. Denunciato per stupro dalla reginetta di bellezza Desirée Washington, al termine di un processo che divise l'America fu condannato ad anni di prigione e ad un ergastolo morale. Ha pagato. Sta pagando. Senza sconti. Storie di Sport ripercorre la vicenda del boxeur più controverso della storia...

di Alice Figini

continua→

Angelo Jacopucci

La vittima del ring

La morte di Angelo Jacopucci ha cambiato per sempre il mondo della boxe e salvato molte vite umane. La tragica storia dell'Angelo biondo che credeva in un gioco pulito, aveva mani da pianista e ascoltava Bob Dylan. Una sera di luglio del 1978 decise di dimostrare al mondo di non essere un pavido, ma l'ultimo colpo lo colse di sorpresa, con la guardia abbassata ...

di Alice Figini

continua→

Teófilo Stevenson

La Revolución sul ring

Alla fine l'incontro del millennio tra Muhammad Ali e Teófilo Stevenson non si disputò e il pugile cubano rimase tra i dilettanti. «Cosa valgono cinque milioni di dollari, quando ho l’amore di cinque milioni di cubani?» affermò, diventando così una delle più fulgide icone della rivoluzione castrista…

di Lucio Iaccarino

continua→

Jeanne Vina La Mar

L'ultimo incontro della Contessa

Dal balletto al ring, attraverso la Francia e gli Stati Uniti, alla ricerca di un luogo dove poter boxare con una licenza. Gli allenamenti nella palestra con Dempsey, il vaudeville, i contratti e quell'aura di mistero che circonda un'eccentrica donna di inizio Novecento, presente tanto sul quadrato quanto nella cronaca nera...

di Melania Sebastiani

continua→
Vito Antuofermo

Vito Antuofermo

Una faccia piena di pugni

Oggi vive a Long Island, dividendosi tra qualche apparizione cinematografica e l'imprenditoria, ma porta incisa sul volto una storia, la storia della più magica e tragica notte della sua vita, quella in cui fermò i giganti...

di Marco Tonelli

continua→

Rocky Marciano

L'inimitabile epopea di "Suzie Q"

Storie di Sport rende omaggio a Rocco Frances Marchegiano, universalmente conosciuto come il grande Rocky Marciano, uno dei boxeur più grandi della storia. Tra il 1952 e il 1956 il pugile italo-americano difese vittoriosamente per ben sei volte il titolo mondiale dei pesi massimi, ritirandosi alla fine da imbattuto...

di Melania Sebastiani

continua→

Jack Dempsey-Luis Ángel Firpo

Un KO lungo 17 secondi

Il 14 settembre 1923 al Polo Grounds di New York il campione del mondo William Harrison Dempsey viene messo al tappeto da un modesto pugile argentino. Uno dei più violenti match di sempre sembra concludersi nella maniera più imprevedibile, quando arriva il più lungo conteggio della storia della boxe...

di Marco Della Croce

continua→

Settimio Terracina

Le Leggi Razziali salgono sul ring

Ferrara, 1937. Un giovane pugile sale sul ring indossando un paio di pantaloncini su cui è stata cucita all’altezza della coscia sinistra una stella di David (o “croce sionista”). Storia dell'uomo che, per sfuggire alle Leggi Razziali, dovette andare a combattere e a vivere negli USA...

di Melania Sebastiani

continua→

Joe Louis-Max Schmeling

Un "match" lungo una vita

Chissà cosa passò per la testa di Max Schmeling quando, colpito da un ennesimo, terribile gancio di Joe Louis, finì ancora una volta – l’ultima di un breve, ma intenso calvario – con le ginocchia sul tappeto. Chissà se in quel momento il pugile vinto riuscì, nonostante il dolore lancinante, le urla della folla e il tripudio dello staff avversario, a comprendere la portata della sua sconfitta...

di Marco Della Croce

continua→

Bruno Arcari

"C'era una volta la boxe..."

Cicatrici sulle sopracciglia come gradi di una divisa. Adigue, Orsolics, Henrique. Un avversario alla volta, l'ultimo guerriero italiano racconta la boxe al tempo in cui era ancora l'arte nobile. "Oggi, invece - denuncia a Storie di Sport - il professionismo non c'è più"...

di Danilo Francescano

continua→
Mexico 68 (elaborazione originale)

Mexico 1968

Giochi di record, giochi di sangue

Città del Messico, sabato 12 ottobre 1968. Sono passati solo dieci giorni dalla strage di Piazza delle Tre Culture, dove esercito e polizia hanno massacrato centinaia di studenti che manifestavano pacificamente. Dieci giorni surreali, che hanno lasciato il mondo allibito ed incredulo. Nel torrido pomeriggio d’inizio autunno Queta Basilio Sotero, velocista di Mexicali, accende il tripode dello Stadio Olimpico. Il nuovo podcast di Storie di Sport...

di Danilo Francescano

continua→

Rubin Carter “Hurricane”

Una tragica storia d'ingiustizia

Il verdetto scatenò la protesta dei seimila spettatori della Convention Hall di Filadelfia che sommersero con una salva di fischi la lettura dei cartellini. Sebbene lo sfidante avesse chiaramente prevalso in almeno nove dei quindici round, l’arbitro Bob Polis e i due giudici, Jim Mina e Dave Beloff, assegnarono infatti la vittoria ai punti all’italo-americano Joey Giardello, campione mondiale in carica dei pesi medi...

di Marco Della Croce

continua→

Muhammad Ali

Il guerriero che difese la pace

La forza, Cassius Clay, l’ha sempre avuta nel sangue; non è mai stata soltanto un’energia straordinaria in grado di abbattere ogni genere di barriera, umana o sociale, incontrata lungo il percorso, ma soprattutto un’inclinazione alla sfida che in ogni istante della sua vita emergeva con prepotenza, chiedendo di essere ascoltata...

di Alice Figini

continua→