Topic Altri sport

Alice Milliat

L'Olimpiade delle donne

Il 7 maggio si tiene l’“Alice Milliat Challenge”, Giornata Europea dello Sport Femminile, un omaggio alla creatrice dell’Olimpiade in rosa. In aperta sfida al Barone de Coubertin che riteneva l’attività sportiva femminile “non pratica, inestetica, scorretta”, la Milliat organizzò a Parigi, nel 1922, le prime Olimpiadi riservate alle donne. Non furono mai riconosciute ufficialmente, ma la vittoria fu soprattutto politica...

di Alice Figini

continua→
Nándor Fa a bordo di Budapest (© Hetényi)

Nándor Fa

Il genio della vela

Viene da un Paese senza sbocco sul mare. Dai laghi d'Ungheria conquista gli oceani, in solitaria. Le barche sono sue dirette figlie, concepite nel suo pensiero e nate dalle sue mani. Non ha ancora smesso di girare il mondo in barca a vela: per lui è vita...

di Francesca Bertha

continua→

Hélène Dutrieu

La Divina

Ormai per tutti “la Divina”, muore a Parigi il 25 giugno 1961, a ottantaquattro anni. L’era dei corsetti è lontana, l’uomo deve ancora andare sulla luna, la donna che ha sfidato i motori e gli elementi riposa comodamente nel letto...

di Melania Sebastiani

continua→
Emma Gatewood sull'Appalachian Trail

Emma Gatewood

La quiete degli Appalachi

Dalla lettura di un articolo di giornale, Emma Gatewood decise che avrebbe raggiunto un primato. Sarebbe stata la prima donna a completare l’Appalachian Trail. Il traguardo della sua vita di abusi era una corona di cime, un sentiero di oltre 3500 chilometri, attraverso tredici stati. Il marito la minacciava, la picchiava, la faceva sanguinare. Attese la montagna per anni e il trekking fu l’espressione letterale della sua forza, dell’amore per la natura, della sua vita da leggenda....

di Melania Sebastiani

continua→
Deadly Bet (© Marco Curatolo)

Deadly Bet

Sfida sui pattini

Sono studentesse, insegnanti, architette, commesse, bariste, mamme, sorelle, amiche... ma date ad ognuna otto ruote e si trasformeranno nei loro alias. E se le daranno ai limiti del lecito, per far segnare la jammer. Elisabetta racconta il mondo del Roller Derby, tra signorine in paradenti, tatuaggi in bella vista, poppate e trasferte internazionali...

di Melania Sebastiani

continua→

Chris Mears e Jack Laugher

La vita vince

Il 10 agosto 2016 i due giovani campioni britannici hanno posto fine al dominio cinese nei tuffi. Il loro abbraccio commosso dopo la vittoria ha fatto il giro del web. L'arma vincente è stata un tuffo innovativo, chiamato "washing machine". Il vero miracolo di Chris Mears, però, risale a sette anni fa ...

di Alice Figini

continua→

O. J. Simpson

Un caso di coscienza

E' andata in onda sulle reti Sky una serie TV che racconta la vicenda di O.J. Simpson, il giocatore di football accusato dell'omicidio della sua ex moglie, Nicole Brown. Il processo venne descritto come il caso di cronaca nera più pubblicizzato d'America. Una storia controversa, un caso tuttora irrisolto, cui non manca nessuno degli ingredienti classici della Soap Opera...

di Alice Figini

continua→
Helsinki 1952: il podio del dressage

Lis Hartel

L'amazzone in sedia a rotelle

La polio la paralizzò. I medici le dissero che non avrebbe più montato. Fu per amore dei cavalli che tornò in sella. Fu per vero talento che vinse alle Olimpiadi, in due edizioni, la medaglia d'argento. Ma il trofeo più significativo fu il suo legato: l'ippoterapia...

di Melania Sebastiani

continua→
Ran Laurie in allenamento (© Fox Photos/Getty Images)

Ran Laurie

Una medaglia per il Dottore

Il canottaggio per "Doctor House": una questione di famiglia. Il padre fu campione olimpico ed entrambi i Laurie sono membri del prestigioso Leander Club. La storia e gli aneddoti del padre (lui sì, dottore davvero) di uno dei medici più amati della televisione...

di Melania Sebastiani

continua→

Guida al Buio

Dal Record alla realtà

Il 29 maggio 2015, sul circuito di Castelletto di Branduzzo, Daniele Cassioli e Omar Frigerio hanno siglato un record straordinario. Daniele, plurititolato campione di sci nautico non vedente, ha compiuto un giro completo di pista in due minuti e quindici secondi. Da questa impresa incredibile è nato un progetto ancora più ambizioso. Una nuova sfida alle barriere della disabilità ...

di Alice Figini

continua→
Sport femminile

Dispari

Storie di sport, media e discriminazioni di genere

Mara Cinquepalmi dedica un ebook alla questione femminile nello sport. Un tracciato partecipato, attuale, storico, pieno di spunti e intersezioni. Il connubio tra sport femminile e stereotipi sessisti resiste oggi, più vivo che mai, malgrado siano passati più di 80 anni da quando Coni e Vaticano pretesero di decidere a quali discipline dovevano dedicarsi le donne per impedire "un’eccessiva degenerazione dei costumi". Qualcuno sta alzando la testa, sui campi e nelle istituzioni...

di Melania Sebastiani

continua→

Margaret Gast

Modista, fisioterapista, ciclista, pilota

La sua vita è disseminata da avventure, aneddoti, depistaggi e bugie, come si conviene alle grandi. Ha forse studiato musica in un Conservatorio a Monaco di Baviera. È forse nata da un padre pompiere. Ha forse avuto una relazione con il suo allenatore. È forse emigrata con il fratello. Forse sola. Forse con quattro amiche. Chissà. Era certamente una campionessa di ciclismo. E una pilota di moto formidabile. Una Donna Alfa. Una pioniera...

di Melania Sebastiani

continua→

Garry Kasparov VS Deep Blue

L'uomo e la macchina

Kasparov è considerato il miglior giocatore di scacchi vivente. Nessun avversario è mai stato in grado di batterlo. O, perlomeno, nessun avversario umano. A sconfiggere il campione mondiale è stata una macchina, capace di analizzare oltre 16 miliardi di mosse al minuto. Il suo nome è Deep Blue. Con l’avvento dei computer ha inizio la sfida del nuovo millennio, chi sarà a dare scacco matto?

di Alice Figini

continua→
Ellen O'Neal in azione (©Jim Goodrich)

Ellen O’Neal

L'icona dello skate

Sono i mitici anni Settanta, e nella dorata California evolve una disciplina che assomiglia sempre più a uno sport. Crescono attrezzature, fioriscono competizioni, e lo skateboard contagia i giovani di tutto il mondo. Tutti vogliono essere come lei...

di Melania Sebastiani

continua→
Gianni Maddaloni in palestra

Percorso Maddaloni

Gli scugnizzi, oro di Scampia

Dalla strada al podio, passando con un inchino sul tatami, inseguendo il sogno folle di una Cittadella dello Sport dove accogliere e dare rifugio ai napoletani in difficoltà. Il sogno di Gianni Maddaloni, una storia di sport e di vita...

di Melania Sebastiani

continua→

Nicole Bonamino

Io non ho paura

Portiere della Nazionale Italiana di hockey in-line, è stata nominata miglior portiere femminile italiano per il 2012 e il 2013. A ventidue anni è stata la prima atleta azzurra a fare coming out e l'ha fatto in un momento in cui il clima era rovente, proprio mentre, in occasione delle Olimpiadi di Sochi, si discutevano le leggi antigay di Putin ...

di Alice Figini

continua→

Raimondo e Piero D’Inzeo

I fratelli invincibili

Più di mezzo secolo a cavallo, nessun ostacolo è mai stato capace di fermarli. Una coppia diventata icona dello sport azzurro, insieme hanno gareggiato e soprattutto hanno vinto. Sono stati i primi atleti a partecipare a otto edizioni consecutive dei Giochi olimpici, dal 1948 al 1976. Una famiglia di cavalieri che ha ispirato generazioni di appassionati...

di Alice Figini

continua→

Il GP di Monaco 1984

Uragano Senna

Il 3 giugno 1984 a Monaco si corre la sesta tappa del Mondiale di F1 in un inferno d'acqua. Tra incidenti, ritiri e sorpassi, la gara sembra saldamente nelle mani di Alain Prost, fino a quando qualcuno dalle retrovie non decide di sfidare la pioggia. Sarà il battesimo di un fuoriclasse...

di Graziana Urso

continua→

Joe Bugner

Un pugile da pellicola

Meglio conosciuto come l'antagonista per eccellenza di Bud Spencer, fu l'unico in grado di tenergli testa e i loro combattimenti conquistarono un pubblico di tutte le età. Pochi sanno che nella vita Joe Bugner era un campione vero, un pugile grintoso che combatté fino a cinquant'anni suonati sul quadrato del ring. Fra i suoi avversari ci furono autentici mostri sacri, come un certo Cassius Clay...

di Lucio Iaccarino

continua→

Volo Sabena 548

Tragedia nei cieli

Il volo Sabena 548 si schiantò il 15 febbraio 1961 nei pressi del villaggio di Berg, vicino a Bruxelles, causando la morte di tutte le persone a bordo. Tra le vittime ci fu l'intera squadra statunitense di pattinaggio di figura. In segno di lutto i campionati mondiali della disciplina, in programma la settimana seguente a Praga, vennero annullati...

di Alice Figini

continua→

Rari Nantes Napoli

La squadra che inventò il Settebello

Qualche bella ragazza tedesca da abbordare, un'uscita brillante, una partita a carte ed ecco servito il Settebello. Il marchio di qualità della pallanuoto italiana nacque a Napoli, nella Rari Nantes degli azzurri Buonocore, Bulgarelli e Arena. Dai primi scudetti ai trionfi olimpici la storia di sette "cape pazze"...

di Graziana Urso

continua→

Maria Toorpakai

L'atleta che sfida i talebani

Nasce in Sud Waziristan, una terra in cui alle donne è negato qualunque diritto. Ma lei si ribella al suo destino e travestendosi da uomo comincia a praticare sport, fino a scoprire lo squash. I talebani la minacciano, lei resiste. Oggi è la top-player del Pakistan e un'attivista per le pari opportunità di genere nei paesi musulmani...

di Graziana Urso

continua→

John James Williams

Il levriero gallese

Puntando sulla velocità divenne uno dei più grandi rugbisti d'Europa. Ala del Galles vincitore di quattro titoli del Cinque Nazioni in cinque anni nonché di due Grand Slam, fece parte della squadra che piegò gli All Blacks. Dodici mete e tante straordinarie giocate nella storia di un uomo che, come tutti i gallesi, sembrava essere nato su un campo di rugby...

di Marco Tonelli

continua→
La locandina del Mundial Dimenticato

Il fantastico Mondiale del ‘42

Suggestioni storiche

Storicamente è risaputo che per i Giochi Olimpici si fermavano le guerre. Ma non successe mai che le guerre si fermassero per i mondiali di calcio. Eppure, ci fu un visionario che sotto i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale volle continuare a far correre il pallone in Patagonia, nella speranza, tutta nobile e tutta idealista, di far cessare i conflitti. Nel 2012 Filippo Macelloni e Lorenzo Garzella decidono di ridare alla leggenda una forma, quella del documentario...

di Melania Sebastiani

continua→
Jimmy Vignati sul Ventoux (© archivio personale Vignati)

Jimmy Vignati

La faticosa magia di una randonnée

Ha percorso 300 km al giorno per 13 giorni, ha solcato sentieri, attraversato foreste dall'Europa all'Asia in sella alla sua bicicletta. Un viaggio su due ruote da percorrersi entro un tempo determinato. Dove l'unica benzina disponibile è nei polpacci..

di Melania Sebastiani

continua→