ALTRI ARTICOLI
ARCHIVIO

Alice Milliat

L'Olimpiade delle donne

Il 7 maggio si tiene l’“Alice Milliat Challenge”, Giornata Europea dello Sport Femminile, un omaggio alla creatrice dell’Olimpiade in rosa. In aperta sfida al Barone de Coubertin che riteneva l’attività sportiva femminile “non pratica, inestetica, scorretta”, la Milliat organizzò a Parigi, nel 1922, le prime Olimpiadi riservate alle donne. Non furono mai riconosciute ufficialmente, ma la vittoria fu soprattutto politica...

di Alice Figini

continua →
Campione del mondo (© Getty / Bettmann)

Marcel Cerdan

Il re dei tre continenti

Era un pied-noir. Un "piede nero". Uno straniero, come il futuro premio Nobel Camus. A suon di cazzotti ebbe successo, fama, una famiglia unita e adorante. Ebbe anche una canzone tutta per lui: la scrisse Édith Piaf, che lo supplicò di raggiungerla con il primo volo disponibile...

di Melania Sebastiani

continua →
Nándor Fa a bordo di Budapest (© Hetényi)

Nándor Fa

Il genio della vela

Viene da un Paese senza sbocco sul mare. Dai laghi d'Ungheria conquista gli oceani, in solitaria. Le barche sono sue dirette figlie, concepite nel suo pensiero e nate dalle sue mani. Non ha ancora smesso di girare il mondo in barca a vela: per lui è vita...

di Francesca Bertha

continua →

Hélène Dutrieu

La Divina

Ormai per tutti “la Divina”, muore a Parigi il 25 giugno 1961, a ottantaquattro anni. L’era dei corsetti è lontana, l’uomo deve ancora andare sulla luna, la donna che ha sfidato i motori e gli elementi riposa comodamente nel letto...

di Melania Sebastiani

continua →

Kathrine Switzer

La rivoluzione in un flash

Maratona di Boston, 1967. Il regolamento impedisce alle donne di gareggiare, sono considerate “troppo fragili” per compiere uno sforzo simile. La giovanissima Kathrine Switzer decide di infrangere le regole. Sarà la prima donna a tagliare il traguardo in quattro ore e venti minuti. Oggi, a settant’anni compiuti, Kathrine si prepara a ripartire dal via che ha consacrato il suo mito...

di Alice Figini

continua →