ALTRI ARTICOLI
ARCHIVIO
Ran Laurie in allenamento (© Fox Photos/Getty Images)

Ran Laurie

Una medaglia per il Dottore

Il canottaggio per "Doctor House": una questione di famiglia. Il padre fu campione olimpico ed entrambi i Laurie sono membri del prestigioso Leander Club. La storia e gli aneddoti del padre (lui sì, dottore davvero) di uno dei medici più amati della televisione...

di Melania Sebastiani

continua →

Guida al Buio

Dal Record alla realtà

Il 29 maggio 2015, sul circuito di Castelletto di Branduzzo, Daniele Cassioli e Omar Frigerio hanno siglato un record straordinario. Daniele, plurititolato campione di sci nautico non vedente, ha compiuto un giro completo di pista in due minuti e quindici secondi. Da questa impresa incredibile è nato un progetto ancora più ambizioso. Una nuova sfida alle barriere della disabilità ...

di Alice Figini

continua →
Sport femminile

Dispari

Storie di sport, media e discriminazioni di genere

Mara Cinquepalmi dedica un ebook alla questione femminile nello sport. Un tracciato partecipato, attuale, storico, pieno di spunti e intersezioni. Il connubio tra sport femminile e stereotipi sessisti resiste oggi, più vivo che mai, malgrado siano passati più di 80 anni da quando Coni e Vaticano pretesero di decidere a quali discipline dovevano dedicarsi le donne per impedire "un’eccessiva degenerazione dei costumi". Qualcuno sta alzando la testa, sui campi e nelle istituzioni...

di Melania Sebastiani

continua →

Stella Walsh

Prigioniera di un corpo

Los Angeles, 1932. La polacca Stanislawa Walaisiewicz vinse l’oro nei 100 metri piani femminili, stabilendo il primato del mondo. Anni dopo la sua storia tornerà alla ribalta per il suo tragico epilogo: all’età di sessantanove anni Stella rimase uccisa nel corso di una rapina. Dall'autopsia predisposta sul suo corpo per accertare le cause della morte emerse un segreto agghiacciante...

di Alice Figini

continua →

Andrés Escobar

El Caballero Escobar

Il 2 luglio 1994 il calciatore Andrés Escobar venne crivellato da raffiche di proiettili sulla soglia di un ristorante. La sua vita era cambiata giorni prima, il 22 giugno, quando il suo autogol nel corso di una partita contro gli Stati Uniti aveva decretato l'eliminazione della Colombia dal Mondiale. In quell'autogol è racchiusa la causa della sua morte. La sua vicenda scioccante ha segnato la storia del calcio...

di Valentina Rubini

continua →