ALTRI ARTICOLI
ARCHIVIO

Leopardi e il vincitore nel pallone

La dedica a Carlo Didimi

Scritta nel novembre 1821, "A un vincitore nel pallone" appare come uno dei primi collegamenti tra sport e letteratura. Un'analisi storica e letteraria per comprendere meglio il messaggio che il poeta di Recanati intendeva trasmettere ai suoi lettori. Un'indagine per scoprire l'identità dell'uomo che ispirò il Conte Leopardi. Era davvero degno di un'eredità tanto illustre?

di Alice Figini

continua →

“Correre Oltre”

A New York contro la Sclerosi Multipla

La sfida sarà quella di «correre oltre» la malattia, allenandosi per partecipare alla maratona di New York, il 6 novembre 2016. Un gruppo di sette persone affette da Sclerosi Multipla sta seguendo un progetto di ricerca innovativo. Dall'idea di paralisi al movimento. Luana De Grandis racconta a Storie di Sport la sua battaglia personale...

di Alice Figini

continua →
Deadly Bet (© Marco Curatolo)

Deadly Bet

Sfida sui pattini

Sono studentesse, insegnanti, architette, commesse, bariste, mamme, sorelle, amiche... ma date ad ognuna otto ruote e si trasformeranno nei loro alias. E se le daranno ai limiti del lecito, per far segnare la jammer. Elisabetta racconta il mondo del Roller Derby, tra signorine in paradenti, tatuaggi in bella vista, poppate e trasferte internazionali...

di Melania Sebastiani

continua →
Primo piano di Roberto Dinamite

Roberto Dinamite

L'esplosione del gol

I suoi siluri al tritolo gli valsero l'appellativo che caratterizzò il suo gioco in campo per tutta la carriera, che ricoprì dai 17 ai 40 anni, con breve parentesi in Europa. Era il Brasile di Zico, Sócrates, Serginho, ma riuscì a fare la differenza. Si ritirò quando stava nascendo l'astro di Romario...

di Lucio Iaccarino

continua →
Nina Ponomareva nel 1952 (© TASS Alexander Yakovlev)

Nina Ponomareva

Un disco, cinque cappelli e tre ghinee

I migliori atleti sovietici andarono in Inghilterra quando i tempi sembravano maturi per avvicinare e migliorare i rapporti tra Regno Unito e Unione Sovietica. A Londra, la stella della delegazione sovietica, campionessa europea e olimpionica di lancio del disco, è accusata di aver rubato in un negozio di Oxford Street cinque cappelli. Si apre il casus Pomareva…

di Melania Sebastiani

continua →