ALTRI ARTICOLI
ARCHIVIO
Mia Hamm

Mia Hamm

La donna che insegnò il calcio agli USA

Due Mondiali vinti, due Olimpiadi, due Palloni d’oro ed è pure inserita nella classifica della FIFA dei 100 migliori giocatori di sempre. Un idolo americano. Eppure la sua vita è tutt'altro che semplice, segnata dal dilettantismo, dalle difficoltà e da lunghi periodi bui...

di Alice Figini

continua →
La proiezione a Bergamo

L’aria sul viso

Il film che racconta Martina Caironi

La genesi, le difficoltà, gli infortuni, le cadute, i traguardi di una campionessa raccontati sul grande schermo attraverso i suoi occhi da un compagno di banco. Con l'ausilio di una campagna in rete una troupe capitanata da Simone Saponieri ha seguito la primatista da Bergamo a Rio de Janeiro, dalle case degli amici alla pista della finale paralimpica...

di Melania Sebastiani

continua →
Merlene Ottey

Merlene Ottey

Il graffio della pantera

Alcuni atleti sembrano gareggiare da sempre e per sempre. La lunga carriera della giamaicana adottata dalla Slovenia è un esempio di questa illusione. Dalla sua prima medaglia internazionale ai Giochi di Mosca, la sprinter non ha smesso di infrangere record, snobbando con la sua naturale eleganza e numeri alla mano la dittatura del tempo sulla massa muscolare...

di Lucio Iaccarino

continua →
Undici Storie di Sport di Neve di Ghiaccio

Undici. L’ebook.

Storie di Sport di Neve di Ghiaccio a Cinque Cerchi

Quasi undici fiabe, tutte ambientate negli sport invernali (ma non tutte ambientate in inverno), che spaziano dall'Ottocento agli anni Duemila. Non c'è necessariamente il lieto fine. Ci sono curiosità, medagliere, spunti per credere, crescere, ammirare, imitare, tifare i protagonisti delle Olimpiadi invernali dall'origine ai giorni nostri. Per tutti i dispositivi con App di lettura Amazon Kindle...

di Redazione

continua →

Madge Syers

Lady's Skates

La sua ascesa fu un atto di ribellione. Nel 1902, Madge Syers si iscrisse ai Mondiali di pattinaggio su ghiaccio provocando l'imbarazzo generale. La categoria femminile non esisteva, lei si era iscritta all’unica competizione che si teneva quell’anno, sola donna in mezzo agli uomini. Quando il comitato organizzativo provò a escluderla per via del suo sesso, scoprì di non poterlo fare, perché il regolamento non diceva nulla in proposito...

di Alice Figini

continua →