ALTRI ARTICOLI
ARCHIVIO

Miruts Yifter

L'uomo senza età

Se n'è andato il 22 dicembre 2016 il mezzofondista etiope la cui età non fu mai svelata. Trionfò ai Giochi di Mosca nel 1980, vincendo due medaglie d'oro consecutive. Considerato l'erede di Bikila e il precursore di Haile Gebrselassie, le sue "mostruose" accelerazioni finali fecero storia. Svelò la sua strategia di gara, ma portò con sé il suo segreto, rivelandoci un antidoto contro la vecchiaia...

di Alice Figini

continua →

Ray Ewry

Il salto della Rana Umana

Lo soprannominarono “la Rana Umana”. Fece piazza pulita di medaglie d’oro per tre Olimpiadi consecutive, dal 1900 al 1908. Il suo successo fu favorito da un attacco di poliomielite. Per alzarsi dalla sedia a rotelle, il giovane Ewry fu costretto a sfiancanti esercizi che lo resero il precursore della ginnastica isometrica. Così un ragazzo dal destino segnato diventò un monumento vivente della storia sportiva...

di Alice Figini

continua →
Emma Gatewood sull'Appalachian Trail

Emma Gatewood

La quiete degli Appalachi

Dalla lettura di un articolo di giornale, Emma Gatewood decise che avrebbe raggiunto un primato. Sarebbe stata la prima donna a completare l’Appalachian Trail. Il traguardo della sua vita di abusi era una corona di cime, un sentiero di oltre 3500 chilometri, attraverso tredici stati. Il marito la minacciava, la picchiava, la faceva sanguinare. Attese la montagna per anni e il trekking fu l’espressione letterale della sua forza, dell’amore per la natura, della sua vita da leggenda....

di Melania Sebastiani

continua →
Luca Agamennoni

Luca Agamennoni

La forza di un sogno d'oro

Lo prendevano in giro, lui così cocciuto, così fisico negli allenamenti, così esagerato. Senza badare a tutti coloro che nell'ambiente non hanno mai creduto in lui, si è formato nelle retrovie, ha accettato il suo ruolo da ripescato, è arrivato a un podio olimpico, trainando i compagni di squadra. Manca solo l'alloro di Tōkyō 2020...

di Edoardo Verzotti

continua →

Leopardi e il vincitore nel pallone

La dedica a Carlo Didimi

Scritta nel novembre 1821, "A un vincitore nel pallone" appare come uno dei primi collegamenti tra sport e letteratura. Un'analisi storica e letteraria per comprendere meglio il messaggio che il poeta di Recanati intendeva trasmettere ai suoi lettori. Un'indagine per scoprire l'identità dell'uomo che ispirò il Conte Leopardi. Era davvero degno di un'eredità tanto illustre?

di Alice Figini

continua →