Iván Fernández Anaya

Iván Fernández Anaya indica il traguardo ad Abel Mutai (© El Pais)

Iván Fernández Anaya indica il traguardo ad Abel Mutai (© El Pais)

 

Un campione dal cuore pulito

Ha fatto il giro di tutti i social network la foto scattata lo scorso 2 di dicembre nella località navarra di Burlada, che ritrae il podista venticinquenne Iván Fernández Anaya, di Vitoria-Gasteiz, capitale della provincia di Álava, nei Paesi Baschi, mentre, in dirittura d’arrivo alla XXI corsa campestre Hiru-Herri, Trofeo Regno di Navarra, dalla seconda posizione guida il keniota Abel Mutai, primo nei 3000 m siepi all’Olimpiade di Londra, che, convinto di aver passato il traguardo, ha rallentato il passo e sta già salutando da vincitore il pubblico. Un errore clamoroso, che permette a Iván di recuperare terreno.

«Per me era una corsa molto significativa perché l’avevo vinta l’anno precedente e con quella per la prima volta sono diventato campione a livello internazionale in una categoria assoluta», ricorda Iván. «Sapevo che quest’anno sarebbe stato complicato per la presenza di atleti di gran livello come Daniel Mateo, David Solís, Antonio Etxeberria, Eliseo Martín e soprattutto il gran favorito, la medaglia d’oro Abel Mutai. Personalmente avevo molti dubbi, nelle competizioni precedenti non avevo riscontrato sensazioni positive, però avevo molta voglia di provare di essere meglio di quanto dimostrato nelle settimane anteriori».

La gara comincia all’una del pomeriggio sotto una lieve pioggia, temperatura intorno ai sette gradi. Inizialmente per i primi cinque-seimila metri Iván corre assieme a un gruppo di otto persone, finché, a due giri dalla fine, Mutai impone un forte cambio di ritmo. Iván e Solís lo raggiungono, quindi Iván decide di tentare la sorte e aumentare ancora il ritmo. Mutai gli s’incolla a ruota: «in alcuni momenti riuscivo a dargli cinque metri ma era impossibile staccarlo».

Trascorrono così quattro chilometri, finché a duecentocinquanta metri Mutai fa un forcing e la distanza tra i due diventa incolmabile.

Iván e Abel in gara (© Iván Fernández Anaya)

Iván e Abel in gara (© Iván Fernández Anaya)

 

«È stato in pista, a cento metri dalla meta che è successo tutto. Ho visto che Mutai ha cominciato a frenare, si rivolgeva ai presenti. Quando sono ricomparso all’orizzonte, il pubblico gli gridava che non era finita, ma lui non capiva. Quando l’ho raggiunto gli ho messo una mano sulla schiena e gli ho detto che la linea era più avanti, ma non capiva nemmeno me, cosicché ho deciso di accompagnarlo al traguardo. Si era guadagnato la corsa fuori dalla pista, era lui l’unico vincitore».

Ti aspettavi che il tuo gesto oltrepassasse le barriere nazionali?

«La verità è che non ho mai immaginato che potesse giungere fin dove è arrivato. Non sapevo nemmeno che ci fossero delle telecamere a riprendere l’arrivo della corsa. Essendo un gesto “normale” non pensavo che avrebbe causato tanta agitazione nei media».

Hai poi parlato con Mutai?

«Dopo la gara siamo stati in giro una ventina di minuti assieme ma con il fatto che Abel non parla bene il castigliano e che né io né lui conosciamo molto l’inglese, è terminato tutto presto con un abbraccio».

Iván in spiaggia (© Iván Fernández Anaya)

Iván in spiaggia (© Iván Fernández Anaya)

 

Quando devi gareggiare contro atleti africani, ti capita mai di sentirti già spacciato alla partenza?

«Non proprio: so che hanno prestazioni superiori ma sono pur sempre battibili, hanno due gambe, due polmoni, un cuore come me. Cerco di motivarmi di più, questo sì. Ma penso sempre di potercela fare».

Se tu potessi tornare indietro nel tempo a quel 2 dicembre 2012, con il senno di poi, ripeteresti il tuo gesto o sorpasseresti il tuo avversario?

«Rifarei ciò che ho fatto. Ho sempre detto che lui è stato migliore di me in gara per cui non potevo beneficiare di un suo sbaglio o di una sua piccola distrazione: lui è stato superiore».

La tua reazione di lealtà sportiva di fronte all’errore dell’ avversario è pervasa dallo spirito del barone De Coubertin. Dovrebbe essere “normale”, per un vero sportivo, allora perché a tuo avviso ha suscitato tanto scalpore?

«Forse nell’epoca di crisi mondiale in cui stiamo vivendo tutti ci costruiamo una corazza e diventiamo più individualisti, guardando soltanto a noi stessi. Anche nei giornali leggiamo quotidianamente di frodi, truffe, inganni, etc.. quindi un atto di rettitudine e cameratismo rimane favorevolmente impresso negli occhi e nelle menti sature di negatività delle genti».

la strada verso Rio (© Iván Fernández Anaya)

la strada verso Rio (© Iván Fernández Anaya)

 

Anche il tuo allenatore ha apprezzato che lasciassi vincere Mutai?

«Sì e no. Mi ha detto che quando si calzano le scarpette lo si fa per vincere. E ha aggiunto che lui avrebbe tirato dritto al traguardo. Il fatto che l’abbia dichiarato pubblicamente gli fa onore, sarebbe più facile dire “sì, anch’io avrei fatto la stessa cosa”, ma lui non l’avrebbe fatta e lo rende onesto ammetterlo».

Hai scelto di praticare uno sport minore. Riesci ad avere soldi a sufficienza per poterti allenare serenamente?

«In effetti è una disciplina molto sacrificata ed è molto difficile oggi riuscire a viverci. Tra il 2008 e il 2013 la Federazione Spagnola ha ridotto i contributi di un 50-60%. Se non riusciamo a trovare altri sponsor, l’atletica è destinata a finire. Approfitto dello spazio sul vostro giornale per lanciare un grido di aiuto a favore di questo sport».

Cosa dà più soddisfazione: un alto gesto sportivo o il primo posto in una gara competitiva?

«I miei risultati stanno andando molto bene, ma lo sport non è solo denaro. Il podismo mi ha dato anche buoni amici e mi ha fatto conoscere buone persone».

Pensi che riuscirai ad arrivare alle Olimpiadi?

«Sì, credo che continuando a lavorare duramente come sto facendo avrò molte probabilità di correre a Rio de Janeiro nel 2016. Per questo mi sto allenando tutti i giorni, anche se al momento sono focalizzato su altri obiettivi che sono più vicini all’orizzonte».

Iván in allenamento (© Iván Fernández Anaya)

Iván in allenamento (© Iván Fernández Anaya)

 

E ai Giochi di Rio chi rappresenterai? La Spagna o i Paesi Baschi?

«Sono disposto a rappresentare entrambi: mi considero basco e spagnolo».

Il Premio Save the Dream 2013: hai viaggiato a Doha, sei stato premiato di fronte a cinquecento tra le personalità del mondo dello sport più importanti direttamente dalle mani dello sceicco Saoud Bin Abdulrahman Al-Thani, del Comitato Olimpico del Qatar, che su impulso qatarino ha istituito questo riconoscimento di integrità sportiva assieme al Centro Internazionale per la Sicurezza nello Sport e di cui è ambasciatore il nostro Alessandro Del Piero. È un sogno da archiviare nel cassetto o uno stimolo per andare sempre avanti?

«Più che un premio, Save the Dream è stata un’esperienza che porterò sempre con me ed è la storia che racconterò in futuro ai miei figli. Non è un mio premio: è un premio della mia Famiglia (l’ha scritto proprio con la maiuscola ndr), dei miei professori del collegio di San Prudencio di Vitoria; è, in definitiva, un premio che va a tutti coloro che mi hanno formato fino ad oggi».

Hai mai augurato qualcosa di cattivo ai tuoi avversari?

«Non penso nel male delle persone. C’è una frase che utilizzo molto che è “quello che non vuoi sia fatto a te, non farlo agli altri».

Non c’è niente da fare, bisogna rassegnarsi. Dilaga la piaga delle scommesse e in tutto il mondo l’ombra del doping si allunga su gli sport professionistici, ma riescono ancora a nascere e crescere campioni dal cuore pulito. Almeno uno, di nome Iván Fernández Anaya. Che con la sua squadra Bikila ha conquistato da poco il terzo titolo di campioni d’Europa nella corsa campestre, battendo le GS Fiamme Gialle, date per favorite.

Un campione dal cuore pulito.

Melania Sebastiani
© Riproduzione Riservata
(intervista raccolta nel mese di marzo 2013)

 

Be Sociable, Share!
, , , , , , , , 5 Comment
Comments To This Entry
  1. Bell’articolo, come del resto tutto il sito. Però mi chiedo: la pallavolo ve la siete dimenticata? E il nuoto? La ginnastica, la lotta, l’hockey a rotelle, il curling e gli altri sport minori niente? Pallacanestro e pallaovale così poco? Dobbiamo aspettarci solo Atletica e futbal?

    Soru Stefano on aprile 4, 2013 Reply
    • Caro Stefano,
      anzitutto grazie per i tuoi apprezzamenti e le tue più che legittime domande. Il mondo dello sport è così variegato che non è facile per un magazine indipendente come il nostro seguire tutte le discipline con sistematicità. Accogliamo però con vero piacere le tue sollecitazioni a occuparci anche degli sport che non abbiamo ancora trattato. Tanto per cominciare, l’11 aprile pubblicheremo un pezzo sul grande campione di nuoto Johnny Weissmuller e nei prossimi mesi ci dedicheremo agli sport acquatici con maggiore frequenza, ma non sarà l’unica novità. Continua a seguirci e proponici pure argomenti specifici da affrontare. Cercheremo di non deluderti! Grazie ancora! (La Redazione)

      admin on aprile 4, 2013
  2. Sembra un ragazzo di un’altra era. È anche single?

    Lavinia on aprile 6, 2013 Reply
  3. Scusatemi, ma sono d’accordo con Stefano. Sembrate l’organo ufficiale della FIGC o della FIDAL. Scrivete bene e vi si legge volentieri, ma se vi chiamate Storie di Sport uno si aspetta che trattiate ogni tanto anche le discipline cosiddette minori. Lo sapete che esiste anche il football americano, quello austrliano, il lacrosse, per non parlare di tiro con l’arco, tiro al piattello, tuffi, lotta greco-romana? Aspetto con ansia le novità annunciate, nella speranza di vedere finalmente qualche articolo diverso. Non dico sempre, ma ogni tanto non guasterebbe. Comunque siete bravi, questo è fuori di dubbio. Solo un po’ monotematici, ecco! Cordialità

    Carlo Munari on aprile 7, 2013 Reply
    • Ciao Carlo! Non possiamo che ribadire che in programma ci sono tanti articoli con cui cercheremo di accontentare tutte le esigenze. Continua a seguirci. (La Redazione)

      admin on aprile 8, 2013

Leave a comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image