Tag archive for Bartali Gino

Marco Pantani

Una vita da Pirata

Non sapremo forse mai se la gloria del Pirata fu vera gloria… ma il suo ciclismo era poesia, era emozione, era passione. Era una pagina, l’ultima forse, di un racconto romantico e inarrivabile, fatto di sudore e di sacrificio, ma anche di fascino senza tempo.…

di Danilo Francescano

continua→

Zeno Colò

Il Falco con gli sci di legno

Gino Bartali e Fausto Coppi, Adolfo Consolini e Giuseppe Tosi, i conquistatori del K2, l’invincibile 4 Senza Moto Guzzi, il Grande Torino. Nomi e formazioni mitiche. Nomi tra i quali Zeno Colò brilla come una stella in una notte invernale, come il principe bianco di uno sport che l’Italia aveva solo potuto sognare sino al suo arrivo…

di Danilo Francescano (ha collaborato Antonio Giusto)

continua→

Augusto Manzo

La leggenda del "balon"

Di giocare nella Juventus, al giovane centromediano dell’Albese, importa assai poco. Il diciottenne Augusto Manzo ha in mente una sola cosa: diventare un fuoriclasse di balon. Storie di Sport ricorda il più grande giocatore di pallone elastico di tutti i tempi...

di Marco Della Croce

continua→

Vittorio Adorni

Il campione gentiluomo

A suo agio col congiuntivo quanto con i pedali, bello, elegante e charmant, ha ingentilito l'immagine tradizionale del ciclista. Corridore completo, passò dai quiz televisivi al circuito di Imola nel giro di un'estate. Quella che lo consacrò campione mondiale...

di Silvano Calzini

continua→

Puy de Dôme, 17 Luglio 1952

Il volo dell'Airone

Quel giorno l’Airone volò. E il suo fu un volo maestoso, epico, da leggenda. Sulle terribili rampe del mitico Puy de Dôme, Fausto Coppi compì un’impresa che entrò immediatamente nella storia del ciclismo come una delle più meravigliose di sempre. Storie di Sport rievoca quella giornata indimenticabile...

di Danilo Francescano

continua→

Gino Bartali. Il Giusto

Ginettaccio oltre l'"Airone"

Gino Bartali non fu soltanto uno dei più grandi campioni della storia del ciclismo. Oltre alla maglia rosa e a quella gialla, il Ginettaccio nazionale si aggiudicò trofei ben più importanti. Durante la guerra, infatti, salvò la vita a centinaia di ebrei e di antifascisti. Una riflessione del nostro redattore Marco Della Croce ripercorre queste storie, partendo dalla leggendaria rivalità con Fausto Coppi...

di Marco Della Croce

continua→

Alfonsina Strada

La donna che sfidò Girardengo

La sera del 13 settembre 1959 una macchina sfreccia a clacson spiegato per le vie di Milano, diretta ad uno dei tanti ospedali. A bordo, una signora di 68 anni, dai grigi capelli corti e dal viso ancora paffutello, sta lottando contro la morte. È una combattente nata, quella donna. Abituata a lottare contro le convenzioni, contro la fatica, persino contro la montagna. Contro tutti...

di Danilo Francescano

continua→

Michele Dancelli

Due ruote all'attacco

I racconti, le gioie, le delusioni, le tappe al Giro e al Tour, l'indimenticabile vittoria alla Milano-Sanremo del 1970. Storia di un un'epoca incredibile in cui gli avversari si chiamavano Eddy Merckx, Felice Gimondi, Franco Bitossi, Roger De Vlaeminck, attraverso i ricordi commossi di un grande e indimenticabile campione: Michele Dancelli...

di Danilo Francescano

continua→

Fausto Coppi

Un uomo solo al comando

"Caro Giovanni, ti mando due corridori. Uno, il Coppi, vincerà”. La segnalazione, spedita via lettera nel 1939 dal massaggiatore Biagio Cavanna a Giovanni Rossignoli della Bianchi alla vigilia di una corsa a Pavia, è l’annunciazione di un campione, anzi, del Campionissimo...

di Graziana Urso

continua→
Alfredo Binda

Alfredo Binda

Il "vizio" di vincere

“Ghe voeren i garun!”. “Ci vogliono le uova fresche!”. Ventotto ne ingoiò Alfredo Binda per vincere il Giro di Lombardia del 1926. Rispondendo alle domande dei cronisti nel dialetto di Cittiglio, il comune del varesotto in cui era nato ventiquattro anni prima, al termine di una corsa epica svelò lui stesso la sua arma segreta...

di Graziana Urso

continua→