Federico Villa

Un'immagine di Federico Villa in sella alla sua carrozzina

Federico Villa in azione

 

Inseguendo New York

«A volte perdo un’intera giornata per allacciare un solo bottone, ma vedere le cose da un punto di vista più basso mi ha aperto nuove prospettive».

Federico Villa ha 28 anni, è brianzolo, è un atleta di handbike. L’atassia di Friedreich, una malattia neurodegenerativa che lo ha colpito adolescente, non gli ha mai impedito di continuare a vivere “spettinato”. Chioma folta di ricci indomiti e sorriso scanzonato, nel 2012 Chicco ha provato a realizzare il suo sogno: tornare a New York, la città in cui ha vissuto fino all’età di cinque anni, per percorrere la maratona in sella alla sua carrozzina.

La storia che oggi raccontiamo è affidata al reportage di questo viaggio, I’m in to finish, ideato e prodotto da lui e dal suo amico Gianmaria Spavento in collaborazione con l’AISA Onlus. Un viaggio interrotto dall’annullamento della gara per l’allerta provocata dall’uragano Sandy. O forse appena cominciato, perché da lì il progetto ha preso un’altra strada: «Non più solo una storia di sport – spiega Giamaria – ma di vita e di persone».

Oggi Federico – che ha appena attraversato Cuba da L’Avana a Santiago de Cuba – è in attesa di sapere se potrà partecipare alla Maratona 2014. To be continued

 

clicca su full screen per ingrandire il filmato
se hai difficoltà nella visualizzazione fai refresh o clicca qui

 

I’m in to finish racconta la storia di Federico Villa e del suo obiettivo più grande: correre la maratona di New York con la sua handbike. Federico è affetto da atassia di Friedreich, una rara malattia genetica degenerativa che inibisce le capacità coordinative e muscolari. Con lui si vivrà la lunga strada dalla preparazione al taglio del traguardo. Un traguardo speciale il suo.

È una storia di emozioni, timori e difficoltà della vita quotidiana, ma sopratutto è una storia di tanta forza e di tanta ironia con cui Federico affronta tutte le difficoltà e con cui guarda avanti verso nuovi obiettivi. Tutto questo tra colori e ricordi di due realtà opposte, Venezia e New York.

Redazione di Storie di Sport
© Riproduzione Riservata

 

Be Sociable, Share!
, 2 Comment
Comments To This Entry
  1. grand bel pezzo, grazie ragazzi!!!!!!!!!!!!!!

    RockandRolling!!!!!!!!!!!!!!!

    Federico Villa on gennaio 30, 2014 Reply
    • Grazie a te, Federico! E in bocca al lupo per le tue prossime sfide. Quando vuoi parlarne siamo qui.(La Redazione)

      Redazione di SdS on gennaio 30, 2014

Leave a comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Anti-spam image