Topic Altri sport

Sarajevo 1984

L'ultima stagione di pace nei Balcani

Il Monte Igman è ancora immerso nei boschi, ma solo da qualche anno i suoi impianti sono tornati a disposizione dei cittadini. I trampolini in muratura sono l'unico segno della prima Olimpiade invernale ospitata in un paese socialista...

di Alessandro Mastroluca

continua→

Newport 1983

Quando l'Italia s'innamorò di Azzurra

L’America’s Cup entrò nella vita degli italiani nel 1983. Non che prima non la si conoscesse, sia chiaro, ma solo pochi addetti ai lavori si erano addentrati in vicende che avevano riguardato esclusivamente i paesi di lingua inglese e poche nazioni europee, come Francia e Svezia...

di Danilo Francescano

continua→
una fase della partita tra Ungheria e URSS

Melbourne 1956: Ungheria-URSS

…e l’acqua si tinse di rosso

L’urlo tremendo di Ervin Zádor zittisce di colpo la bolgia infernale che, come un tuono sordo e cattivo, scuote gli spalti fin dall’inizio del match. Per qualche istante, il tifo, le urla e gli insulti dei 5.500 spettatori si trasformano in sorpresa. Non è un trucco, l’acqua della piscina sta davvero diventando rossa...

di Marco Della Croce

continua→

Cinema, mafia e… bodybuilding

Uomini d’acciaio

Promettono gloria a costo zero o quasi. La fabbrica dei sogni e quella dei soldi. In mezzo, montagne di muscoli costruiti in palestra. E’ nel tempio del culturismo, la Gold’s Gym di Los Angeles, che negli anni Settanta s’incrociano le strade di cinema e mafia. L’affare si chiama bodybuilding...

di Graziana Urso

continua→
una battuta di Joe DiMaggio

Joe DiMaggio

Un sogno italo-americano

Figlio di emigranti siciliani, è stato un'icona del suo tempo, un santino da portare in guerra e stringere a sé in punto di morte. La storia del mito assoluto del baseball americano, l'uomo che a suon di successi finì nelle pagine di Hemingway e nelle note di Simon&Garfunkel, e che riuscì a conquistare il cuore di un'inarrivabile diva del cinema...

di Graziana Urso

continua→
Eugenio Monti

Eugenio Monti

Il "Rosso" che volava

Innsbruck, 1 febbraio 1964, prova di bob a due. La prima manche olimpica di Eugenio Monti e Sergio Siorpaes non è stata eccellente: i due azzurri l’hanno conclusa al quinto posto, molto meno bene di quanto ci si potesse aspettare. Nulla di drammatico, in ogni caso. Il parziale complica un po’ le cose, ma i nostri ragazzi, distaccati di soli 79 centesimi, rimangono tra i favoriti...

di Danilo Francescano

continua→

Ribot

Storia di un campione invincibile

Ogni allevatore di cavalli ha un sogno nel cassetto. Il sogno è quello di creare il campione. Non che i sogni si avverino spesso, ma a Federico Tesio, talvolta, succedeva. Gli era già successo nel 1935 con Nearco, gli successe di nuovo il 27 febbraio 1952 con Ribot..

di Danilo Francescano

continua→
Jim Thorpe (©Bettmann-Corbis)

Jim Thorpe

La difficile pista di Sentiero Lucente

Il 15 luglio 1912, re Gustavo V di Svezia, consegnandogli la medaglia d’oro per il decathlon, si rivolse al ventitreenne Jim Thorpe con parole che l’olimpionico non avrebbe...

di Danilo Francescano

continua→
una delle ultime immagini di Riccardo Cassin (© Gazzetta)

Riccardo Cassin

Il Grande Vecchio della montagna

Quando Riccardo Cassin nasce, il 2 gennaio 1909 a Savorgnano di San Vito al Tagliamento, l’Italia è un paese pieno di contraddizioni...

di Danilo Francescano

continua→