Topic Altri sport

Marco Berni

La mia terra selvaggia

Sei volte in Alaska, ottomila chilometri a piedi nella tundra a temperature polari. La testimonianza di una straordinaria avventura ai confini della terra, tra aurore boreali, bufere di vento e incontri improbabili. Un viaggio alla ricerca di sé che - sostiene il runner bresciano intervistato in esclusiva da Storie di Sport - chiunque può compiere…

di Graziana Urso

continua→

Klaus Dibiasi si racconta

Tuffi nell'oro

Tre Olimpiadi consecutive sul gradino più alto. Con il contorno di argenti olimpici e titoli mondiali. Una serie infinita di duelli con avversari formidabili, dall’amico Giorgio Cagnotto al grandissimo Greg Louganis. E poi una fortunata carriera come tecnico federale, che continua ancora. Quelli di Klaus Dibiasi sono davvero tuffi nell’oro...

di Danilo Francescano

continua→

Fastnet 1979

La regata della morte

Nel tardo pomeriggio di lunedì 13 agosto 1979 un impressionante vortice depressionario si abbatté sui concorrenti della Fastnet Race, una delle più antiche e affascinanti regate d'altura del mondo. Al largo dell'omonimo faro venti di oltre settanta nodi e onde enormi amplificate dai fondali relativamente bassi colpirono i trecento equipaggi iscritti, causando una delle più terribili tragedie della storia della vela...

di Marco Della Croce

continua→

Giovanni Raicevich

L'uomo più forte del mondo

Riuscite a immaginarvi, oggi, la prima pagina del più diffuso quotidiano sportivo italiano interamente dedicata al resoconto del campionato del Mondo di lotta greco-romana? Difficile – se non impossibile – che una cosa del genere possa ragionevolmente accadere. Eppure ci fu un'epoca in cui tutto ciò era considerato normale. Erano gli anni dell'insuperabile Giovanni Raicevich...

di Marco Della Croce

continua→

Ilaria Bonin

Un'atleta mozzafiato

Record silenziosi e lunghi respiri, abissi azzurri e training mentali. L'apneista Ilaria Bonin, l’unica atleta al mondo ad aver vinto quattro titoli (due mondiali e due europei) consecutivamente in due anni siglandoli con tre record mondiali, si svela in un'intervista esclusiva a Storie di Sport...

di Melania Sebastiani

continua→

Ernie Davis

Il coraggio oltre la meta

Primo giocatore nero a vincere l'Heisman Trophy, prima scelta nel draft del 1962, un contratto da favola con i Cleveland Browns, a soli 22 anni a Ernie Davis si spalancavano le porte di una carriera fenomenale. Il sogno, però, s'infranse pochi mesi dopo quando gli fu diagnosticata la leucemia. Davis, tuttavia, non si perse d'animo e affrontò la malattia con lo stesso coraggio con il quale in campo si lanciava verso la linea di meta...

di Roberto Dalla Bella

continua→

Monza, 20 maggio 1973

L'assurda morte di Pasolini e Saarinen

Il 20 maggio 1973 è una data che pochi appassionati di sport possono dimenticare. Quel giorno, infatti Renzo Pasolini e Jarno Saarinen, due motociclisti bravi e amati come pochi, persero la vita a Monza in un assurdo incidente. A distanza di quarant'anni i loro volti, i loro sorrisi e le loro imprese restano scolpiti più che mai nella mente e nel cuore di tanta gente...

di Marco Della Croce

continua→

Josefa Idem

Quando l'eccezionalità diventa normale

Campionessa mondiale e olimpica nella specialità del K1 (kayak individuale), nella sua trentennale carriera ha vinto trentotto medaglie tra Giochi olimpici, mondiali ed europei. Ha partecipato a otto edizioni delle Olimpiadi, ininterrottamente da Los Angeles 1984 a Londra 2012, le prime due sotto la bandiera della Germania Ovest, le altre con l'Italia. Storie di Sport saluta la neo Ministra per le Pari Opportunità, lo Sport e la Gioventù...

di Danilo Francescano

continua→

Klaus Dibiasi

Vita e trionfi dell'Angelo Biondo

Il ritratto migliore di Klaus Dibiasi l'ha fornito l'amico e rivale di sempre: «I tuffi prima di lui erano un'altra cosa. Klaus li ha cambiati, come i Beatles hanno cambiato la musica». Storie di Sport si occupa di uno dei più grandi atleti della storia dello sport mondiale...

di Danilo Francescano

continua→

Dhyan Singh Chand

Il mago dell'hockey

Cosa ci fa, in un imprecisato giorno del 1919 nel nord dell’India, un ragazzino di quattordici anni trascinato controvoglia dal padre a vedere una partita tra uomini che si contendono una pallina con delle strane mazze di legno? Semplice, sta per diventare il grande, l’inimitabile, l’inarrivabile Dhyan Singh Chand. Storie di Sport ripercorre la storia di uno dei più grandi campioni di tutti i tempi di hockey su prato...

di Marco Della Croce

continua→

Lou Gehrig

La leggenda di "Iron Horse"

«Oggi io sono l’uomo più fortunato del mondo», disse Lou Gehrig ai microfoni dello Yankee Stadium. Era il 4 luglio 1939 e con queste parole uno dei più grandi campioni della storia del baseball si congedava dai suoi tifosi, vinto - ma solo nel corpo - da una terribile malattia che da quel giorno fu indissolubilmente legata al suo nome...

di Marco Della Croce

continua→

Alessandra Sensini: “Il mio sogno blu”

"Così ho scoperto l'Oceano"

Dalle coste di Capoverde al largo di Panama, trentacinque giorni a tu per tu con l'Atlantico. Alessandra Sensini consegna in esclusiva a Storie di Sport il diario di bordo di un'avventura straordinaria, tra creature marine e i sorrisi dei bambini Indios che imparano il surf...

di Alessandra Sensini

continua→

Miracolo sul ghiaccio

1980: il trionfo americano a Lake Placid

Lake Placid, 1980. Siamo a metà del terzo tempo quando il capitano del team USA, Mike Eruzione, raccoglie l’assist di Mark Pavelich e scaglia il disco che s'infila nella porta sovietica, fissando il risultato sul 4-3 defintivo. È la storia di un miracolo. Un miracolo sul ghiaccio...

di Graziana Urso

continua→

Il semaforo di Kensington Street

L'invenzione dei cartellini giallo e rosso

Dall'ammonizione del sovietico Kakhi Asatiani, in Messico-URSS nel 1970, all'espulsione del cileno Carlos Caszley, nel match contro la Germania nel 1974. Storia di un'invenzione che ha fatto epoca. E non solo nel calcio...

di Marco Della Croce

continua→

Chamonix 1924

La prima volta dell'Olimpiade Bianca

La prima edizione dei Giochi Olimpici invernali si svolse a Chamonix nel 1924. Sedici eventi per sette discipline, che portarono alla ribalta atleti del calibro di Charles Jewtraw, Herma Szabo-Plank e Thorleif Haug. L'affresco di una manifestazione che regalò all'Europa uno dei rari momenti di pace e tolleranza tra le due guerre...

di Graziana Urso

continua→

Yasuhiro Yamashita

La forza della tranquillità

La vita e le imprese di un grandissimo, inimitabile campione, imbattuto lungo l'arco di tutta la carriera, che incarnò alla perfezione tutti gli aspetti (non solo quelli sportivi) del judo. Un Maestro indiscusso, potente ed elegante, ma anche leale e generoso...

di Lucio Iaccarino

continua→
Enrico Scuri

Enrico Scuri

L’Invincibile

Di lui si scrisse che arrivò a liberare dal fango una carrozza del tram. Le imprese del primo vero fuoriclasse italiano dello sport moderno, l'Ercole dei pesi che vinse tutto, infilando idealmente al collo una delle sue tante medaglie un secolo dopo averla conquistata...

di Marco Della Croce

continua→

Alessandra Sensini

Via col vento

Prima di entrare nelle case degli italiani con uno spot televisivo, Alessandra Sensini è stata lo spot del windsurf, grazie alle sue sei partecipazioni olimpiche e all'oro di Sydney. I trionfi di un'atleta vera che, dopo i Giochi di Londra, è già pronta per una nuova, avvincente sfida...

di Danilo Francescano

continua→

Sync Different

L’altra metà della piscina

Sembra la "lettera scarlatta" degli sport acquatici, eppure è una realtà in crescita anche in Italia. Storie di Sport sfata l'ultimo tabù "di genere" in fatto di discipline sportive e svela difficoltà e ambizioni degli atleti che danzano sull'acqua, accarezzando un sogno: un passo a due in vasca...

di Melania Sebastiani

continua→
Sonja Henie

Sonja Henie

Una favola sui ghiacci

Il campione si distingue, rispetto ad un buon atleta, per l’innato talento miscelato al carattere, per la forza di volontà e per la grande passione. E non deve mancare, come diceva persino Einstein quando gli chiesero la formula per il successo, un pizzico di buona sorte. C'è stato tutto questo e anche qualcosa in più nella straordinaria parabola umana e sportiva di Sonja Henie....

di Lucio Iaccarino

continua→

Eraldo Pizzo

Tutti i colpi del Caimano

Dalla favola della Pro Recco all'Olimpiade di Roma. L'amarcord di una leggenda sportiva che, nonostante il successo di Londra, a Storie di Sport lancia l'allarme sulle condizioni della pallanuoto italiana: "I miracoli non bastano più"...

di Danilo Francescano

continua→

Enzo Maiorca

Il signore dell'abisso blu

Domenica 22 settembre 1974, mare di Sorrento. Il cavo d’acciaio sembra perdersi nel blu infinito. L’uomo in muta nera aspira l’aria con ritmo veloce, espirandola subito dopo, allo scopo di diminuire l’anidride carbonica nel suo sangue. Se ne sta aggrappato ad un grosso salvagente quadrato, a strisce bianche e rosse, l’uomo, mentre tutto attorno si affollano barche, gommoni e battelli di ogni genere...

di Danilo Francescano

continua→
Mexico 68 (elaborazione originale)

Mexico 1968

Giochi di record, giochi di sangue

Città del Messico, sabato 12 ottobre 1968. Sono passati solo dieci giorni dalla strage di Piazza delle Tre Culture, dove esercito e polizia hanno massacrato centinaia di studenti che manifestavano pacificamente. Dieci giorni surreali, che hanno lasciato il mondo allibito ed incredulo. Nel torrido pomeriggio d’inizio autunno Queta Basilio Sotero, velocista di Mexicali, accende il tripode dello Stadio Olimpico. Il nuovo podcast di Storie di Sport...

di Danilo Francescano

continua→
Graziano Mancinelli a Monaco 1972 (da showjumpingnostalgia)

Graziano Mancinelli

Il Cavaliere degli ostacoli

Gli ostacoli per un uomo sono un po’ come il sale per le minestre: danno il giusto sapore. Ognuno di noi deve affrontarne diversi nel corso della vita, talvolta incespicando, oppure crollando o, al contrario, facendo un bel percorso netto. Graziano Mancinelli amava e praticava lo sport che trovava negli ostacoli, quelli veri, lo spunto necessario per vincere: era infatti un asso dell’equitazione, specialità salto ad ostacoli...

di Lucio Iaccarino

continua→

Abebe Bikila

Il gladiatore etiope

Se, come dicono, la maratona è una scelta estetica, quella di Abebe Bikila all’Olimpiade di Roma del 1960 più che una corsa fu una danza: martellante, come il cadenzare dei suoi piedi scalzi sull’asfalto capitolino; irrefrenabile, come il ritmo dei tamburi a contagiare i corpi nelle notti di festa dei villaggi africani. Il suo sorgeva sull’Altopiano etiope, a 150 km da Addis Abeba: è a Jato che il 7 agosto del 1932 nasce il più grande maratoneta olimpico della storia...

di Graziana Urso

continua→